Piccolo vademecum per l’aspirante Yogi

Consigli e curiosità per approcciarsi al meglio al mondo dello Yoga

Ti sei appena iscritto ad un corso di Yoga, o stai per farlo?

Di seguito qualche piccolo consiglio pratico, per chi come te, si sta approcciando a questo mondo.

Corso di Yoga - Shakti Yoga Sassari

  • Chiediti “Perchè voglio fare Yoga? Cosa sto cercando?”
    In base alla tua risposta, prenditi il tempo necessario per cercare il corso di yoga e l’insegnante più adatto a te. Quasi tutti i centri yoga e le palestre, a settembre, organizzano degli Open Day, in cui danno accesso gratuito alle loro lezioni.
    Una volta trovato il tuo corso, tieni sempre ben presente il tuo intento, e periodicamente chiediti se sei sulla strada giusta per raggiungerlo.

  • Pratica a stomaco vuoto. Se frequenti un corso in pausa pranzo, cerca di fare uno spuntino un paio di ore prima della lezione e rimanda il pasto a dopo la lezione. Se frequenti un corso mattutino, non fare colazione troppo a ridosso della lezione. Anticipala o, se il corso è molto presto la mattina, rimandala a dopo.
  • Prima della lezione, quando sei ancora a casa o stai uscendo da lavoro, comincia ad entrare nel “mood” rallentando i ritmi, facendo qualche respiro profondo, e osservando qualche attimo di silenzio. Magari spegni già il cellulare 😉
  • Prenditi il TUO tempo: arriva almeno 5 minuti prima dell’inizio della lezione, per prepararti con calma. Se arrivi in ritardo, potresti trovare la sala chiusa (alcuni insegnanti lo fanno).
    Se il tuo insegnante non chiude la sala, probabilmente entrerai, quando i tuoi compagni di corso sono nella fase iniziale di rilassamento, quindi cerca di fare meno rumore possibile per non disturbarli (credimi, in quel momento vorrebbero strozzarti… ahahahhaha).
    La fase iniziale della pratica è importante tanto quanto quella finale, perciò fai di tutto per essere puntuale, sia per rispetto nei confronti degli altri allievi, sia per l’insegnante, ma soprattutto PER TE.
  • SPEGNI IL CELLULARE E GODITI LA PRATICA! Da quando insegno, una delle prime cose che ho notato è che, soprattutto per chi inizia, è molto difficile staccarsi dal telefono anche solo per un’ora. Quando dico staccarsi, non intendo fisicamente, ma staccarsi con la mente. Prova ne è il fatto che pur lasciando il telefono dentro lo zaino nello spogliatoio, molti lasciano la vibrazione inserita. Se durante la lezione si sente vibrare, tutti con le orecchie in allerta… “Sarà il mio???” questo è il pensiero. Ovviamente quando capita, a lezione ridiamo tutti insieme, perchè tanto prima della fine della lezione nessuno lo saprà.
    Ma cosa succede nella mente? In quel momento, la mente va da un’altra parte, allontanandosi dalla pratica, distraendosi e perdendo la concentrazione, che tanto abbiamo “faticato” a trovare. Il mio consiglio è: chiediti sempre se vuoi essere padrone del tuo tempo, o rimanere “ostaggio” di messaggi, notifiche FB, email.
    Vedrai che senso di libertà, spegnere il cellulare e prenderti il tempo PER TE.
  • Dopo la lezione non fissare appuntamenti in orari troppo ravvicinati.
    Lasciare una lezione prima della fine, è come perdere la ciliegina sulla torta. Perderesti il vero significato della pratica. E dovendoti preparare in tutta fretta, per andar via, perderesti subito, la quiete e la tranquillità che hai trovato a lezione. Credimi, sarebbe un gran peccato!

Spero che questi consigli possano esserti utili. BUONA PRATICA!

 

Scopri i nostri corsi

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *